Truffe di trading

Mi piange il cuore a pensare che ancora nel 2017 dobbiamo parlare di truffe di trading. Il trading in effetti è un mercato così grasso che attira non solo quelli che vogliono legittimamente fare soldi operando sui mercati, ma anche tutta una serie di lestofanti che puntano semplicemente a spogliare i trader meno esperti.

Tra le varie categorie di truffe che, ancora nel 2017, dobbiamo elencare, ci sono:

  • I metodi per fare soldi facili
  • Piattaforme che applicano commissioni
  • Corsi di trading a pagamento

Metodi per fare soldi facili

I soldi facili non esistono, sono un’esca intelligente che i truffatori utilizzano per attirare polli. Questi truffatori creano siti web che promettono metodi di trading automatico in grado di generare profitti elevatissimi. In realtà, appena il trader si iscrive ed effettua un deposito, perde tutto. Sono sistemi molto cattivi, perché rovinano non solo il trader ma anche la sua speranza di guadagnare.

Evitare di cadere in queste trappole è facile: i broker seri avvisano che il trading è rischioso, se si promettono facili profitti è opportuno fuggire a gambe levate.

Piattaforme che applicano commissioni

Anche se sono autorizzate e regolamentate, ci sono piattaforme che ancora applicano delle commissioni sull’eseguito. Purtroppo le commissioni non sono formalmente vietate dalla legge ma in realtà sono considerate dalla maggior parte dei trader come una truffa bella e buona. Per questo motivo è sempre opportuno verificare non solo che la piattaforma sia autorizzata e regolamenta ma soprattutto che non ci siano commissioni sull’eseguito. Pagare un piccolo spread sulle operazioni è invece un’ottima idea, anche perché la piattaforma è incentivata a far guadagnare l’utente.

Corsi di trading

Pagare nel 2017 per un corso di trading che si potrebbe ricevere gratis da un broker è pazzia. I migliori broker regalano corsi di trading di altissima qualità, molto meglio dei corsi a pagamento che costano anche più di 1000 euro e che insegnano aria fritta, quando va bene. Perché quando va male i contenuti di questi corsi sono proprio sbagliati.

La cosa che veramente fa rabbia è che questi figuri passano la maggior parte del loro tempo a sparare a zero su determinati tipi di trading (come il trading di CFD) e magnificare broker che applicano commissioni rispetto a broker completamente gratuiti. Forse è il caso di farsi qualche domanda….

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *